Questo articolo è stato letto 7 volte

Un segnale di limite di velocità in un senso di marcia comporta il medesimo limite anche per il senso di marcia opposto?

un-segnale-di-limite-di-velocita-in-un-senso-di-marcia-comporta-il-medesimo-limite-anche-per-il-senso-di-marcia-opposto.jpg

La questione posta ai giudici, in sostanza, è questa: la presenza di un segnale di limite di velocità in un senso di marcia su una strada a doppio senso, comporta che il limite operi anche nell’altra direzione?

No, secondo la corte, che ricorda che il segnale stradale è un dispositivo atto a indicare una prescrizione, un avvertimento o una indicazione a tutti veicoli circolanti e ad ogni altro utente della strada. È insomma il linguaggio con il quale l’amministratore di una strada comunica agli utenti la disciplina della circolazione: regole, pericoli, indicazioni, limiti. Tali segnali operano come un provvedimento amministrativo espresso. E tali comandi espressi dalla p.a. operano solo per chi nella condotta di guida lo percepisce e, dunque, nel senso della sua marcia.

Consulta l’ordinanza della Corte di Cassazione n. 17205/2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>