Questo articolo è stato letto 0 volte

Vasto – Ambulanti in rivolta: «Cacciate gli abusivi»

Fonte: www.iltempo.it

Incontro in Comune col sindaco. «Ora basta. Solo noi veniamo controllati e multati»

VASTO Tensione alle stelle l’altra sera sul lungomare Ernesto Cordella dove è andata in scena la protesta dei commercianti del mercatino serale di Vasto Marina, i quali hanno occupato con auto e furgoni la parte meridionale del lungomare. I commercianti, che vendono le loro merci nei box allestiti diversi anni fa dall’Amministrazione comunale in lungomare Duca degli Abruzzi, protestano contro la massiccia presenza nel quartiere rivierasco di abusivi, soprattutto extracomunitari.

Il clima si è fatto particolarmente rovente quando i manifestanti hanno visto due agenti della Polizia municipale che stavano cominciando ad elevare le contravvenzioni per divieto di sosta. «La situazione peggiora anno dopo anno.

A Vasto non si fa nulla per contrastare l’abusivismo commerciale – hanno urlato gli esercenti – Ogni sera stranieri irregolari si piazzano con la loro mercanzia in lungomare Cordella, 50 metri prima di noi, che paghiamo le tasse e subiamo costantemente le verifiche sull’occupazione di suolo pubblico. Noi veniamo sempre controllati, loro no».

Alla fine, dopo circa due ore di mobilitazione, la protesta è stata sedata dalla Polizia municipale, ma ieri mattina i commercianti del mercatino di Vasto Marina si sono ritrovati in Municipio per un vertice con il sindaco Luciano Lapenna, l’assessore al Commercio, Lina Marchesani, il comandante della Polizia municipale, Orlandino Carusi, e il responsabile dell’Ufficio Commercio del Comune, Luca Mastrangelo.

Lo stesso primo cittadino di Vasto ha ammesso che la protesta dei commercianti è fondata e ha fissato per martedì un incontro con il questore di Chieti. «Ho chiesto la collaborazione di tutte le forze dell’ordine – ha detto Lapenna – per porre in essere provvedimenti concreti per contrastare il fenomeno dell’abusivismo, di cui quest’anno abbiamo notato una crescita».

«La tanto sbandierata “tolleranza zero” verso le occupazioni abusive – tuona però Etelwardo Sigismondi, consigliere comunale di Fratelli d’Italia – per gli amministratori vastesi, curiosamente, vale solo e unicamente nei confronti di quanti posseggono regolare licenza di vendita, regolare autorizzazione del Comune con pagamento del relativo obolo. Per tutti gli altri no». Secondo Sigismondi, il lungomare di Vasto Marina «di sera si trasforma in un vero e proprio mercatino della contraffazione, dove è possibile scegliere e acquistare in totale libertà borse, occhiali, scarpe e accessori vari. Sulla riviera vastese – chiosa il consigliere comunale di centrodestra – regna sovrana l’anarchia. Il tutto avviene in assenza di controlli di sorta e nel completo disinteresse degli amministratori». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>