Questo articolo è stato letto 1 volte

Venezia. Tassa soggiorno: siglato protocollo intesa tra PM e GdF

Fonte: www.comune.venezia.it

Sviluppare e intensificare le sinergie tra Polizia municipale e Guardia di Finanza mediante il coordinamento delle reciproche professionalità e avviare uno scambio di informazioni in materia di accertamento su attività ricettive soggette all’imposta di soggiorno e in materia di contrasto all’evasione e alle frodi fiscali. Questo, in estrema sintesi, l’oggetto del protocollo d’intesa firmato oggi a Ca’ Farsetti dal comandante generale della Polizia municipale, Luciano Marini, e dal comandante provinciale della Guardia di Finanza, gen. Marcello Ravaioli, alla presenza del sindaco di Venezia, Giorgio Orsoni, e del direttore generale del Comune di Venezia, Marco Agostini.

“Un atto importante – ha sottolineato il primo cittadino ringraziando il gen. Ravaioli – che assiste e supporta l’attività di accertamento messa in atto dal Comune a contrasto dell’evasione, in particolare nel settore del turismo dopo l’introduzione dell’imposta di soggiorno”. Un’imposta, ha rilevato Orsoni, che non ha avuto, incomprensibilmente, grande accoglienza da parte degli albergatori: “l’imposta, infatti, chiede al turista di contribuire al mantenimento della città e quindi dovremmo trovare ampia collaborazione da parte di chi dal turismo nella città trae benefici notevoli”. Il sindaco si è detto certo che da questa attività di accertamento, supportata anche dalla Guardia di Finanza, si possa riuscire a far capire qual’è il significato dell’imposta di soggiorno e l’importanza della stessa per la nostra comunità. Commentando infine il dato, evidenziato dal comandante Marini, il quale ha rilevato che circa il 70% delle strutture controllate presentava qualche irregolarità, Orsoni si è detto ottimista per una maggiore osservanza, da parte di tutti, della normativa.

Anche il gen. Ravaioli, nel suo intervento, ha sottolineato l’importanza di fare squadra per intensificare l’azione di controllo in ambito turistico, peraltro già molto forte in città. Concetto ribadito poi dal comandante Marini: “Il documento siglato – ha detto – prevede il reciproco impegno di trasferire con sistemi informatici i dati sui controlli alle attività ricettive, uno sforzo in più per la Guardia di Finanza che ringrazio per questa preziosa collaborazione”. Marini ha anche ricordato che il 2012 è stato un anno di osservazione, per quanto riguarda la tassa di soggiorno, dove si sono controllate le iscrizioni e la puntualità nel fornire i dati; “ma ora inizieremo anche con una serie di accertamenti che riguardano l’effettivo versamento della tassa di soggiorno”. Commentando infine i dati sulle irregolarità rilevate (come detto di circa il 70% delle attività controllate), Marini ha voluto specificare che queste riguardano soprattutto le piccole strutture ricettive, non gli alberghi, che sono sostanzialmente in regola con la normativa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>