Questo articolo è stato letto 0 volte

Whistleblowing: può essere svelato

whistleblowing-puo-essere-svelato.png

La Corte di Cassazione con la sentenza n. 9047/2018 ha affermato che l’identità del whistleblower, ossia il dipendente che segnala un caso di corruzione in ambito lavorativo, può essere svelata qualora la sua conoscenza sia assolutamente indispensabile per la difesa dell’incolpato.

Per la Suprema Corte, la denuncia anonima del whistleblower ha valore indiziario sul fronte disciplinare. Ma l’identità del dipendente onesto che fa la segnalazione deve uscire allo scoperto se il fatto denunciato ha un seguito in sede penale, in modo da consentire alla persona denunciata di difendersi.

Consulta la sentenza n. 9047/2018, Cassazione penale

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>