Questo articolo è stato letto 8 volte

Zone a traffico limitato aperte ad auto elettriche e ibride, la preoccupazione dei sindaci

Il presidente dell’Anci Antonio Decaro, con una lettera indirizzata al ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, esprime preoccupazione per la decisione di inserire nella legge di bilancio integrazioni al codice della strada che rivedono l’accesso di veicoli elettrici e a propulsione ibrida nelle zone a traffico limitato.
“Il lavoro portato avanti dall’Anci con molti Comuni su mobilità e trasporti si basa sulla duplice necessità di ridurre le emissioni inquinanti e rafforzare mobilità pubblica e ciclopedonale rispetto a quella automobilistica – scrive il presidente dell’Anci, Antonio Decaro -. Il governo ha condiviso tali finalità, concorrendo attraverso il sostegno finanziario alla sostituzione di mezzi pubblici inquinanti, agli investimenti in nuove infrastrutture di trasporto pubblico veloce e all’incentivazione della mobilità dolce”.Nel ricordare che la regolamentazione del traffico nei centri abitati è prerogativa dei Comuni, che “con deliberazione di giunta provvedono a delimitare le aree pedonali e le zone a traffico limitato”, Decaro a nome dei sindaci chiede “un incontro per approfondire la problematica” dal momento che la previsione contenuta nella legge di bilancio (articolo 1 comma 103) richiede “un’interpretazione autentica e un chiarimento” se non “una modifica” al fine di “salvaguardare l’autonomia regolamentare e le importanti esperienze in atto in tema di aree pedonali e zone a traffico limitato”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>