Circolazione della propria vettura nella corsia riservata ai mezzi pubblici: sanzione

Sorpreso ad utilizzare con la propria vettura la corsia preferenziale riservata ai mezzi pubblici, decisivo il ricorso a una videocamera predisposta per il controllo dell’accesso alle ‘zone a traffico limitato’.

L’automobilista, però, contesta la procedura adottata per certificare la sua condotta ritenuta irregolare. L’obiezione viene respinta: «l’ipotesi del transito su corsia riservata ai mezzi pubblici rientra fra quelle che permettono la rilevazione dell’infrazione mediante l’uso di apparecchiature automatizzate».

Questa decisione è condivisa dalla Cassazione che precisa: «la rilevazione degli illeciti su corsie riservate ai mezzi pubblici può avvenire mediante l’uso degli apparecchi di videoripresa già autorizzati per il controllo dell’accesso alle ‘zone a traffico limitato’ e ai centri storici’, senza necessità di ulteriore autorizzazione».

 

Consulta la sentenza

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.