Distruzione del bosco ed abuso edilizio

Qualora l’area interessata dalle opere abusive sia stata in precedenza ricoperta da bosco e l’attività illecita dell’imputato ha portato ad un progressivo disboscamento della stessa, è corretta la dichiarazione di  responsabilità per  i reati di cui agli artt. 44, comma 1 lett.c) dpr n. 380/2001, 181, comma 1 e 178 comma 1 lett. a) d.lgs 42/2004 essendo in linea con il principio di diritto, secondo cui, in tema di tutela del paesaggio, dopo l’entrata in vigore del D.Lgs. 18 maggio 2001, n. 227, deve qualificarsi come bosco – meritevole di protezione ai sensi dell’art. 181 del D.Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42 – ogni terreno coperto da vegetazione forestale arborea associata o meno a quella arbustiva, da castagneti, sughereti o da macchia mediterranea, purché aventi un’estensione non inferiore a mq. duemila, con larghezza media non inferiore a metri venti e copertura non inferiore al 20 per cento. (Cassazione Penale III sez. pen. Sentenza n.2520 del 24 gennaio 2022).

Gabriele Mighela

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.