I lavori socialmente utili che seguono ad una condanna per guida in stato di ebbrezza

Un Tribunale, in qualità di giudice dell’esecuzione e su comunicazione dell’UDEPE (Uffici dell’Esecuzione Penale Esterna, gli ex CSSA), aveva revocato la pena sostitutiva del lavoro di pubblica utilità, concessa in precedenza ad un imputato, in ordine al reato di guida in stato di ebbrezza, perché non si era presentato per svolgere i sopraccitati lavori. L’uomo ha deciso di ricorrere in Cassazione avverso il provvedimento del Tribunale.

Continua a leggere l’articolo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.