Questo articolo è stato letto 4 volte

L’accesso civico generalizzato abnorme

La Sez. III del Consiglio di Stato, con la sentenza n. 6220 del 6 settembre 2021, interviene per limitare il diritto di accesso generalizzato di una moltitudine di dati/documenti (codice fiscale e partita IVA degli enti gestori dell’accoglienza ai migranti) tali da comportare un’attività organizzativa dispendiosa di risorse pubbliche, prive di una effettiva esigenza conoscitiva.

Continua a leggere l’articolo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *