Questo articolo è stato letto 9 volte

Le nuove disposizioni sulla violenza domestica e di genere (parte II)

L’articolo 9 interviene sui delitti di maltrattamenti contro familiari e conviventi e di atti persecutori prevedendo:
l’aumento della pena per il delitto di maltrattamenti contro familiari e conviventi (art. 572 codice penale). L’attuale pena della reclusione da 2 a 6 anni viene sostituita con la reclusione da 3 a 7 anni;
una fattispecie aggravata quando il delitto di maltrattamenti è commesso in presenza o in danno di minore, di donna in stato di gravidanza o di persona con disabilità, ovvero se il fatto è commesso con armi; in questi casi la pena è aumentata fino alla metà.

Continua a leggere l’articolo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *