Mancata revisione periodica del veicolo: i pressanti impegni lavorativi non rappresentano una giustificazione

Il fatto. A seguito di un controllo effettuato dalla Polizia municipale emerge che la vettura guidata da un avvocato «non è stata presentata alla prescritta revisione». Gli agenti procedono a sanzionare il legale e consequenziale la multa per una cifra pari a 159 euro.

L’avvocato propone ricorso prima dinanzi al Giudice di Pace e poi in Tribunale: in entrambi i casi l’esito però è negativo. I Giudici respingono l’ipotesi che «i numerosi impegni di lavoro» addotti dal legale – che è risultato essere titolare di un grosso studio – possano rappresentare una giustificazione plausibile per il «mancato assolvimento dell’obbligo di sottoporre l’autovettura alla revisione».

Decisione condivisa e confermata dalla Cassazione, «i numerosi e pressanti impegni lavorativi» non sono catalogabili come «causa di forza maggiore» che possa giustificare la mancata «revisione del veicolo». Definitiva, quindi, la multa.

Consulta la sentenza n. 6338/2018, Cassazione civile

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.