Notifica a residenti in uno Stato non UE

Per gli Stati non appartenenti all’Unione Europea occorre verificare: la possibilità della notifica diretta attraverso il servizio postale; la ratifica di accordi bilaterali e, fatte salve tali circostanze, in via residuale è possibile procedere alla notifica di atti amministrativi, tradotti nella lingua del paese ricevente, per via diplomatico-consolare attraverso il Ministero degli affari esteri.

Continua a leggere l'articolo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.