Questo articolo è stato letto 2 volte

Permesso di soggiorno elettronico

permesso-di-soggiorno-elettronico.jpg

Il Pse, rilasciato allo straniero dall’Ufficio immigrazione della Questura, è costituito da una smart card su cui sono stampati i dati e la fotografia del titolare, e nella quale è inserito un microprocessore con i dati identificativi dell’intestatario, tra cui l’immagine del volto e le impronte digitali. Per garantire un elevato livello di sicurezza, il circuito di emissione e controllo del permesso si basa su un’architettura centralizzata che consente sia la tracciatura di tutte le operazioni effettuate da ciascun ente coinvolto, sia l’emissione di documenti in grado di minimizzare i rischi di contraffazione e falsificazione. Il governo dei processi è affidato all’Infrastruttura Centrale Pse presso il centro elettronico nazionale della Polizia di Stato, mentre la gestione della sicurezza spetta all’Infrastruttura di Sicurezza Pse e la fase di produzione dei permessi di soggiorno è attribuita all’Istituto Poligrafico e Zecca della Stato (Ipzs). I flussi informativi scambiati in modalità sicura tra le amministrazioni avvengono tramite la rete ministeriale ed eventuali collegamenti dedicati.

Vedi il testo del Parere

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>