Questo articolo è stato letto 7 volte

Preavvisi per divieto di sosta e privacy

Si è posta la questione relativa all’apposizione sui veicoli in sosta del c.d. preavviso di accertamento della violazione. Costituendo com’è noto una mera prassi non obbligatoria, si dubita ora delle eventuali violazioni relative alla sempre più stringente normativa in tema di privacy, considerato che l’atto, esposto per così dire “alla pubblica fede”, può essere letto e/o sottratto da chiunque (anche se non riporta il nominativo del proprietario, è possibile risalirvi tramite la targa), rendendo di fatto noto a terzi estranei un procedimento sanzionatorio.

 

Continua a leggere l’articolo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *