Questo articolo è stato letto 5 volte

Revisione obbligatoria: ancora vietato l’accertamento automatico

revisione-obbligatoria-ancora-vietato-l-accertamento-automatico.jpg

Il Ministero, rispondendo al quesito di un comune, ricorda che in base al combinato disposto degli articoli 200, 201 e 80 CdS, l’accertamento automatizzato, con contestazione differita, della violazione di cui all’art.80, comma 14, è possibile solo ed esclusivamente  attraverso l’utilizzo di strumentazioni approvate ed omologate dallo stesso Ministero. Non esistendo quindi, attualmente, alcun dispositivo approvato ed omologato, è possibile accertare la violazione di cui all’art.80, comma 14, solo ed esclusivamente attuando la procedura di accertamento con contestazione immediata, procedura questa necessaria per poi, a seconda delle situazioni, applicare l’iter dell’art. 180, comma 8.

Leggi il parare del MIT

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>