MAGGIOLI EDITORE - Polnews


Quando è possibile sopprimere il corpo di Polizia Municipale e da chi dipende il Comandante dopo la soppressione?
Analizziamo la Sentenza n.265 del 13.2.2017 del TAR Campania, con la quale si ribadisce il principio della responsabilità del Comandante solo verso il Sindaco, al fine di garantirne l'autonomia

La sentenza riguarda il caso di un comune che ha optato perridurre il settore di PM in servizio.L’operazione dovuta qualora il numero di agenti scenda al di sotto delle sette unit minime previste dalle legge7 marzo 1986 n. 65, all'articolo 7.

Per porla a compimento sono state utilizzate due delibere:

  1. con la primasi stabilita la riduzione del corpo in servizio;
  2. con la seconda si fattoconfluire il servizio all'interno dell'area urbanistica.

Quest’ultima era gi provvista diun Dirigente di settore che ha imposto, e veniamo a uno dei motivi di ricorso, al Comandante di PM di informarlo di ogni iniziativa presa e di apporre la propria controfirma autorizzatoria su ogni provvedimento.

Peri giudici del TAR Campania tale operazione per illegittima.Non possibile subordinare il Comandate di PM a un dirigente comunale.

Secondo la normativa il Comandante risponde solo e soltanto al Sindaco:

"il Comandante del Corpo di Polizia Municipale responsabile verso il Sindaco dell’addestramento, della disciplina e dell’impiego tecnico-operativo degli appartenenti al Corpo”.

Ci disposto al fine di preservarel’indipendenza e l’autonomiadi una carica cos delicata, che verrebbe altrimenti svuotata delle sue prerogative e sostituita da altre al vertice della PM.

Consulta la Sentenza del TAR Campania n. 265 del 13.2.2017


www.polnews.it