MAGGIOLI EDITORE - Polnews


Coltello nel portaoggetti dell’auto: non è punibile l’automobilista
Cassazione penale, sentenza 13/2/2018, n. 6974: particolare tenuità del fatto

Automobilista sorpreso, in occasione di un controllo delle forze dell’ordine, con un coltello lungo 18 centimetri nel vano portaoggetti. Per lui scattata la condanna per “porto ingiustificato di un’arma”.
Irrilevante – secondo i magistrati della Cassazione – il fatto che il coltello era stato ritrovato all’interno del vano portaoggetti dell’auto di propriet del cognato dell’uomo finito sotto accusa. Questo dettaglio ritenuto secondario, poich, pur mancando l’elemento intenzionale, sufficiente che la condotta sia stata posta in essere per negligenza, come in questo caso.

A salvare l’uomo il riconoscimento della non punibilit per particolare tenuit del fatto. Su questo punto i giudici della Corte osservano che il fatto addebitato, sebbene non inoffensivo, presenta i caratteri della particolare tenuit perch trattasi di comportamento non abituale e di modesta entit – come si desume anche dalla pena pecuniaria – posto in essere da soggetto incensurato.

Consulta la sentenza n. 6974/2018, Cassazione penale

www.polnews.it