Questo articolo è stato letto 290 volte

Atti osceni in luogo pubblico, ma scatta la depenalizzazione

atti-osceni-in-luogo-pubblico-ma-scatta-la-depenalizzazione.jpg

Il fatto. Protagonisti un uomo colto dalla polizia mentre, con una donna, consumava un rapporto sessuale a pochi metri di distanza da una strada provinciale e secondo modalità tali che era possibile vedere quanto egli stesse facendo in quei momenti. Consequenziale è stata l’accusa di «atti osceni in luogo pubblico».

Confermata la condanna anche in Cassazione, per i giudici va però tenuta presente la depenalizzazione decisa col decreto legislativo 15/1/2016, n. 8, di conseguenza il fatto contestato non è più «previsto dalla legge come reato».

Gli atti vanno trasmessi al Prefetto, per l’eventuale applicazione di una sanzione amministrativa.

Attenzione però a quanto evidenziato nella norma: se il rapporto sessuale viene consumato in un «luogo abitualmente frequentato da minori», come ad esempio l’uscita della scuola negli orari di punta, si ritorna nel penale.

Consulta la sentenza n. 43809/2017, Cassazione penale

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>