Questo articolo è stato letto 3 volte

Decreto sicurezza: i comandanti delle Polizie Locali scrivono al Parlamento

decreto-sicurezza-i-comandanti-delle-polizie-locali-scrivono-al-parlamento.jpg

Sono dodici i firmatari della lettera aperta indirizzata al governo e al parlamento; tutti comandanti della Polizia Locale, da Palermo a Bologna, da Milano a Bari, da Trieste a Firenze. La richiesta rivolta all’esecutivo, formulata all’unanimità, è di fornire gli strumenti necessari per attuare fattivamente quanto previsto dal decreto Sicurezza Urbana, al fine di fornire agli operatori condizioni e garanzie pari a quelle di chi indossa una divisa e contribuisce quotidianamente a garantire la civile convivenza tra le persone.

In particolare la lettera ruota intorno a quattro punti:

a) l’accoglimento, da parte del governo, delle proposte di ANCI sulla modifica della legge 65/86 (“Legge quadro sull’ordinamento della Polizia Municipale”);

b) l’adeguamento della pianta organica in ragione delle nuove esigenze;

c) reintroduzione dell’istituto dell’equo indennizzo;

d) permettere l’utilizzo dello SDI (banche dati interforze) anche alle Polizie Locali.

Queste le richieste fatte al governo da parte dei Comandanti delle Polizie Locali, che si rivolgono direttamente a Pietro Grasso e Laura Boldrini, a Gentiloni e al ministro dell’Interno Marco Minniti.

Insomma, sì al Decreto Legge Sicurezza Urbana, a patto che vengano però fornite risorse adeguato allo svolgimento dei nuovi compiti che, sempre di più, vendono la Polizia Locale avvicinarsi alel funzioni della Polizia di Stato. Nella lettera si citano, fra l’altro, gli interventi contro i reati predatori, a difesa delle donne e dei minori, a contrasto della prostituzione e dello spaccio di stupefacenti e molte altre fattispecie che di fatto richiedono alle Polizie Locali sforzi superiori alle reali possibilità oggettive del corpo, che fa i conti con un organico sottodimensionato e disponibilità ridotte.

“Se i 60 mila operatori delle Polizie Locali”, conclude la lettera, “costituiscono parte integrante del sistema finalizzato a garantire la sicurezza dei nostri concittadini, è indispensabile che il governo e il Parlamento adottino azioni concrete”. 

Consulta la Lettera Aperta al Governo e al Parlamento firmata dai comandanti delle Polizie Locali delle città metropolitane italiane

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>