Questo articolo è stato letto 1 volte

Falsificazioni telematiche: dipendente comunale condannata

falsificazioni-telematiche-dipendente-comunale-condannata.png

Confermata dalla Cassazione la condanna per una dipendente comunale che ha falsificato la notifica di ricezione di una mail.

L’imputata era stata condannata ex art. 617-sexies c.p. (Falsificazione, alterazione o soppressione del contenuto di comunicazioni informatiche o telematiche) poiché, in quanto dipendente comunale, aveva formato falsamente e inviato alla persona interessata, facendone così uso, la notifica di avvenuta lettura della e-mail di convocazione, in realtà mai pervenuta alla stessa, per un colloquio previsto nell’ambito della procedura concorsuale di mobilità volontaria per un posto di agente di Polizia Municipale, tutto ciò al fine di occultare la propria responsabilità relativamente all’invio di tale comunicazione all’indirizzo e-mail errato, errore che aveva determinato l’esclusione della candidata dalla graduatoria.

Consulta la sentenza n. 39758/2017, Cassazione penale

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>