Questo articolo è stato letto 4 volte

“Fermi tutti! Guardia di finanza”. Quando il ladro si finge finanziere…

fermi-tutti-guardia-di-finanza-quando-il-ladro-si-finge-finanziere.jpg

I fatti: tre individui, qualificatisi quali appartenenti alla Guardia di Finanza, corpo del quale indossavano le relative pettorine con il logo, giunti nei pressi della filiale a bordo di un’auto avente colori segni distintivi della Guardia di Finanza, simulavano un controllo presso un ufficio bancario e procedevano alla chiusura temporanea della Banca.

Si facevano quindi consegnare dagli impiegati della banca il denaro delle loro casse e indicavano agli impiegati di inserire codici per l’apertura della cassaforte, dalla quale veniva prelevato il denaro.

Gli impiegati hanno riferito di non aver visto armi e di non essere neanche stati minacciati. Gli ordini sarebbero stati eseguiti confidando sul fatto che i rapinatori fossero effettivamente membri della Guardia di Finanza.

In Cassazione si dibatte sulla qualificazione del fatto: rapina aggravata o furto aggravato? Le due fattispecie si differenziano in particolare in base all’utilizzo, da parte dei soggetti, di violenze o minacce.

I giudici ricordano quindi che la nozione di violenza deve farsi rientrare nella ampia accezione tecnico-giuridica, riconducibile piuttosto all’ipotesi criminosa dell’art. 610 c.p. (“violenza privata”), e quindi in qualsiasi atto o fatto posto in essere dall’agente che si risolva comunque nella coartazione della libertà fisica o psichica del soggetto passivo che viene così indotto, contro la sua volontà, a fare, tollerare o omettere qualche cosa indipendentemente dall’esercizio su di lui di un vero e proprio costringimento fisico. Si può quindi ben considerare violenza l’utilizzo di una falsa identità o di false divise per costringere alcuni ignari impiegati a svuotare la cassaforte di una banca.

Ricorso quindi respinto, e la pesante condanna è confermata.

Corte di Cassazione, 28389/2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>