Questo articolo è stato letto 1 volte

Se i proventi del furto vengono utilizzati per giocare d’azzardo la pena è ridotta?

ludopatia-pena-ridotta.jpg

Si fingeva un agente di una nota società d’assicurazione per ottenere il versamento di grosse somme di denaro a titolo di premio, per polizze assicurative che ovviamente non avevano niente di vero. L’uomo, già condannato dalla Corte d’Appello, ricorre in Cassazione sostenendo una posizione interessante. I proventi delle truffe sarebbero stati utilizzati al fine di giocare d’azzardo e, soffrendo l’imputato di ludopatia, si configurerebbero i requisiti necessari per dichiararlo incapace di intendere e volere.

La Cassazione ricorda che «Ai fini del riconoscimento del vizio totale o parziale di mente, anche i “disturbi della personalità”, che non sempre sono inquadrabili nel ristretto novero delle malattie mentali, possono rientrare nel concetto di “infermità”, purché siano di consistenza, intensità e gravità tali da incidere concretamente sulla capacità di intendere o di volere, escludendola o scemandola grandemente».

Nel caso in esame la ludopatia grave è sì l’antefatto primo del crimine, che però non è commesso in vista di una immediata occasione di gioco, quindi in risposta ad una spinta psicologica “compulsiva” (come di chi rapini una persona brandendo un coltello per poi correre a giocare al videopoker i proventi così ottenuti) ma piuttosto al fine di riparare ai danni e ai debiti causati in precedenza. Questo, oltre all’elevata complessità e organizzazione delle truffe, permette di escludere che il disturbo della personalità abbia portato l’imputato a commettere un crimine compulsivo e rapsodico, quindi senza la facoltà di intendere e volere.

La Cassazione procede con il respingimento del ricorso e la conferma della condanna.

Consulta la Sentenza n. 44659 del 13.10.2016 della Corte di Cassazione

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>