Questo articolo è stato letto 2 volte

Notificazione all’estero: necessità di allegare anche l’atto redatto in lingua originale

Un verbale di contestazione notificato all’estero deve contenere anche la lingua italiana, oppure è sufficiente inviare il verbale nella lingua dello stato estero di destinazione?

Anche nei casi in cui è necessaria la lettera d’informazione ai sensi della direttiva UE 2015/413 (che deve essere redatta nella lingua del paese di destinazione), è possibile emettere il successivo verbale di contestazione senza la lingua italiana?

Continua a leggere l’articolo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>