Questo articolo è stato letto 0 volte

Omesso rispetto della segnaletica di stop (parte II)

La segnaletica stradale è regolata dalle norme internazionali ed in particolare dalla Convenzione conclusa a Vienna nel 1968.
Tale Convenzione, vincolante per i firmatari, tra i quali ovviamente anche l’Italia, ha previsto la possibilità di scegliere quale segnale adottare per prescrivere l’obbligo di fermarsi e dare la precedenza, adottando il cartello ottagonale su sfondo rosso, in uso sulle nostre strade con il nuovo codice della strada ed il relativo regolamento, ovvero, il vecchio cartello circolare a sfondo bianco, con all’interno il triangolo rivolto verso il basso, con inscritto il termine “STOP”, utilizzato in Italia in vigenza del precedente codice della strada e del suo regolamento.

Continua a leggere l’articolo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>