Questo articolo è stato letto 49 volte

Personale in convenzione e posizione in convenzione

Con orientamento applicativo CFL59, l’ARAN precisa le corrette modalità di determinazione della retribuzione di posizione del personale titolare di posizione organizzativa in caso di convenzione tra due enti.
In presenza della titolarità della posizione organizzativa del dipendente in convenzione tra due enti, con ripartizione delle ore lavorate tra i due enti nel limite delle 36 ore settimanali (cd. scavalco condiviso) si farà applicazione della disciplina prevista dall’art.17, comma 6, del CCNL del 21.5.2018. In questo caso l’ente di appartenenza continua a corrispondere la retribuzione di posizione e di risultato secondo i criteri dallo stesso stabiliti, riproporzionate in base all’intervenuta riduzione della prestazione lavorativa e con onere a proprio carico. L’ente in convenzione presso il quale è stato disposto l’utilizzo a tempo parziale corrisponderà le retribuzioni di posizione e di risultato in base alla graduazione della posizione attribuita e dei criteri presso gli stessi stabiliti, con riproporzionamento in base alla ridotta prestazione lavorativa. Infine, l’ente di utilizzazione, per compensare effettivamente la maggiore gravosità connessa alla titolarità di due posizioni organizzative e lo svolgimento delle prestazioni in diverse sedi di lavoro, può altresì corrispondere una maggiorazione della retribuzione di posizione di importo non superiore al 30% della stessa con oneri a proprio carico. Ricorda a tal fine l’ARAN che, per effetto della nuova disciplina, tenuto conto anche delle regole in materia di valori della retribuzione di posizione previste dall’art.15 del CCNL del 21.5.2018, è venuto meno anche il precedente tetto di € 16.000.
Al fine di poter comprendere l’esatta portata della disposizione contrattuale, i tecnici dell’ARAN effettuano il seguente esempio.
Supponendo che l’ente datore di lavoro corrisponda la retribuzione di posizione pari a € 11.300 in caso di ridotta prestazione lavorativa del 50% (in quanto l’altro 50% svolto nell’ente convenzionato), la retribuzione di posizione per 18 ore lavorative sarà ora pari a € 5.650.
L’ente utilizzatore della posizione organizzativa abbia anche lui previsto la retribuzione di posizione a tempo pieno pari a € 11.300 per il tempo pieno, utilizzando per 18 ore settimanali il dipendente in convenzione dovrebbe corrispondere € 5.650 che, in caso di maggiorazione del 30% potrebbero aumentare fino ad € 5.650 x 1.30= € 7.345.

Consulta l'orientamento ARAN

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>