Questo articolo è stato letto 0 volte

Sospensione autorizzazione di pubblico esercizio

sospensione-autorizzazione-di-pubblico-esercizio.jpg

E’ pacifico, nel caso di specie, che l’autorizzazione alla somministrazione, finalizzata alla gestione di un bar/tavola fredda, non consentiva la preparazione di pasti caldi, come invece è stato ripetutamente accertato dagli agenti di polizia locale in occasione di tutti i sopralluoghi; dette reiterate infrazioni hanno conseguentemente condotto all’emissione del provvedimento impugnato in applicazione della norma di carattere riassuntivo di cui all’art. 69, comma 10, della legge regionale 6/2010 (in cui è previsto che “le attività di somministrazione di alimenti e bevande devono essere esercitate nel rispetto delle vigenti norme, prescrizioni e autorizzazioni in materia edilizia, urbanistica e igienico-sanitaria, nonché di quelle sulla destinazione d’uso dei locali e degli edifici, fatta salva l’irrogazione delle sanzioni relative alle norme e prescrizioni violate”), che perfettamente si raccorda alla vista disciplina prevista dall’art. 9 del r.d. 773/1931. Nella specie l’amministrazione comunale – competente a provvedere in virtù del principio del contrarius actus – ha, dunque, legittimamente disposto la sospensione dell’efficacia del titolo che aveva precedentemente rilasciato, peraltro dopo aver diffidato il gestore dal persistere nelle violazioni in questione, tuttavia riscontrate per ben due volte.

Vedi il testo della Sentenza

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>