Questo articolo è stato letto 22 volte

Allerta internazionale variante Delta

Alla luce dell’incremento dei casi confermati COVID-19 da variante Delta, la direzione generale della prevenzione sanitaria del Ministero della Salute ha diffuso una nota circolare  recante’“Allerta internazionale variante Delta: incremento dei casi Covid-19 in diversi Paesi europei”.

Con la presente nota, indirizzata a regioni, comuni, ministeri e aziende sanitarie, il Ministero della Salute raccomanda di:

  • continuare a monitorare con grande attenzione la circolazione delle varianti del virus SARS-CoV-2;
  •  rafforzare le attività di tracciamento dei casi e dei contatti di caso;
  •  applicare tempestivamente e scrupolosamente sia le previste misure di contenimento della trasmissione, che le misure di isolamento e quarantena in caso di VOC Delta sospetta o confermata, per le quali si rimanda alla Circolare n. 22746 del 21/05/2021
  •  applicare le indicazioni della circolare del Ministero della Salute n. 3787 del 31/01/2021, sequenziando prioritariamente i campioni provenienti da: soggetti vaccinati contro SARS-CoV-2 che successivamente si infettano nonostante lo sviluppo di una risposta immunitaria al vaccino; da soggetti in contesti ad alto rischio, quali ospedali nei quali vengono ricoverati pazienti immunocompromessi positivi a SARS-CoV-2 per lunghi periodi; da casi di reinfezione; da soggetti in arrivo da Paesi con alta incidenza di varianti SARS-CoV-2; in caso di aumento dell’incidenza o cambiamento nella trasmissibilità e/o virulenza dell’infezione in un’area; da soggetti appartenenti a cluster per valutare la catena di trasmissione e/o l’efficacia di strategie di contenimento dell’infezione
  • garantire strategie vaccinali che tengano conto della possibile minore protezione contro le infezioni da variante Delta dopo una sola dose di vaccino, dell’efficacia sostenuta della vaccinazione completa e della necessità di effettuare una vaccinazione completa contro COVID-19 il prima possibile, se è disponibile, negli individui a rischio di grave infezione.

Continua a leggere l’articolo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *