Questo articolo è stato letto 11 volte

Art. 142 C.d.S.: la presenza di cartelli con il limite di velocità su altri tratti di una lunga strada non è significativa

Nel caso di annullamento di verbale per pretesa violazione dell’art. 142 c. 8 C.d.S. in quanto la contestazione è antecedente a ordinanza dirigenziale che imponeva il limite di velocità (di 50 km/h), secondo la Suprema Corte a nulla vale – ai fini della giustificazione del ricorso –  la presenza su una strada particolarmente lunga di altri cartelli con lo stesso limite, ma posizionati in tratti che non interessano il rilevamento dell’infrazione: “la presenza di ulteriori segnali, con limite di 50 Km/h, ma evidentemente su altri, specifici e diversi tratti di quella estesa via provinciale, insistentemente affermata dalla difesa del Comune, non può assumere alcun minimo significato”.
Consulta l’Ordinanza della Corte di Cassazione n. 22154 del 2.11.2016 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *