Questo articolo è stato letto 5 volte

Falsificazione materiale di contrassegno assicurativo

La falsificazione materiale e l’uso del contrassegno assicurativo, relativo alla responsabilità civile degli autoveicoli, commessa da un  privato, integra gli estremi del reato di falsità in scrittura privata, ma non quello di ricettazione.
Perché si possa essere riconosciuta la responsabilità anche per il reato previsto dall’articolo 648 del Codice Penale, occorre che documento, ancorché contraffatto, sia frutto di altri reati; questo avviene ad esempio quando i moduli dei contratti di assicurazione e dei relativi certificati siano stati oggetto di furto, rapina o appropriazione indebita.

Vedi il testo della sentenza

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *