Il pubblico registro dei veicoli esteri

La persona fisica residente in Italia o la persona giuridica avente sede in Italia non coincidente con l’intestatario del mezzo, ma che ha la disponibilità di un veicolo immatricolato in uno Stato estero per un periodo superiore a trenta giorni, anche non continuativi, nell’anno solare, ha l’obbligo di registrare tale disponibilità in apposito elenco del sistema informativo del PRA di cui all’art. 94, comma 4-ter: il Pubblico Registro dei Veicoli Esteri (REVE) (art. 93-bis, comma 2, codice della strada).

Continua a leggere l'articolo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.