Reati edilizi

L’opera realizzata, per le sue caratteristiche strutturali, la sua consistenza e, in particolare, per la sua stabilità desumibile dall’ancoraggio della medesima al suolo con plinti di cemento e piastre d’acciaio, non può certo definirsi come precaria nè, peraltro, risultano dedotte esigenze transitorie e momentanee connesse alla realizzazione dell’opera che potessero evidenziare una precarietà funzionale dell’opera medesima. 

Vedi il testo della Sentenza

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.