Sinistro stradale

Decisivo il riferimento al materiale probatorio esaminato nei giudizi di merito, con particolare riferimento alle “contraddizioni tra le dichiarazioni rese” dall’automobilista, da un testimone e dal coniuge della persona messa sotto dalla vettura. Senza dimenticare, poi, la “contraddittorietà delle conclusioni cui è giunto il consulente tecnico della persona offesa, con la conseguente impossibilità di fondare sulle relative argomentazioni l’eventuale certa scansione dei tempi e delle modalità di verificazione del sinistro”.

Vedi il testo della Sentenza

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.