Questo articolo è stato letto 0 volte

Il Consiglio di Stato annulla l’indicazione della non abbinabilità di tavoli e sedie presso gli esercizi di vicinato

A seguito di un accertamento della Polizia Municipale di Roma in un esercizio commerciale di gastronomia, il settore competente della municipalità capitolina aveva provveduto ad emettere un’ordinanza dirigenziale di cessazione dell’attività di somministrazione abusivamente intrapresa, a seguito della presenza presso l’esercizio alimentare di numerosi piani di appoggio associati a sgabelli, sul presupposto che tali arredi fossero tipici della distinta attività di pubblico esercizio.

Continua a leggere l’articolo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>