Questo articolo è stato letto 4 volte

Concorsi pubblici

Al riguardo è opportuno precisare che, seppur le prove preselettive integrano un istituto di carattere eccezionale, in quanto limitano le possibilità di un vaglio completo di tutti i candidati concorsuali, esse si giustificano in relazione alla salvaguardia del superiore interesse al buon andamento dell’apparato organizzativo della pubblica amministrazione (consacrato nell’articolo 97 della Carta costituzionale), quando, in particolare, si tratta di scrutinare un elevato numero di candidati (cfr. TAR Umbria 24.3.2005, n. 107).

Vedi il testo della sentenza

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *