Concorsi pubblici

Ciò perché lo scorrimento di una graduatoria valida ed efficace rappresenta la regola generale, mentre l’indizione di un nuovo concorso costituisce l’eccezione e richiede un’apposita ed approfondita motivazione, che dia conto del sacrificio imposto ai concorrenti idonei e delle preminenti esigenze di interesse pubblico.

Vedi il testo della sentenza

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.