In primo piano

Il D.P.C.M. sulla mobilità volontaria

Le amministrazioni pubbliche devono inquadrare i dipendenti trasferiti per mobilità volontaria e che provengono da comparti diversi sulla base delle mansioni, delle aree e dei profili; sul terreno economico devono utilizzare i differenziali stipendiali attribuiti, utilizzando il criterio della approssimazione per eccesso ove possibile; il costo delle differenze di trattamento economico deve essere imputato alle capacità assunzionali.

Continua a leggere l'articolo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *