Questo articolo è stato letto 2 volte

Personale

Nel caso di specie, il responsabile della polizia municipale viene discriminato per aver collaborato con la Corte dei Conti in relazione a strane attività del primo cittadino. L’amministrazione comunale lo degrada, rimuovendolo dall’incarico apicale e richiamando la necessaria rotazione obbligatoria del personale (legge n. 190/2012).

Vedi il testo della Sentenza 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *