Questo articolo è stato letto 4 volte

Rappresentanza in giudizio

All’autonomia statutaria (legittimata a stabilire i modi di esercizio della rappresentanza legale dell’ente, anche in giudizio) è però conservata la possibilità di prevedere l’autorizzazione della giunta ovvero di richiedere una preventiva determinazione del dirigente ovvero ancora di postulare l’uno e l’altro intervento (cfr. Cons. Stato, sez. V, 7.2.2012, n. 650). Tale è appunto il caso di specie, perché il comune ha potuto dimostrare che – secondo la propria normativa statutaria, non contestata e tanto meno impugnata – ferma restando la legale rappresentanza in giudizio dell’ente in capo al Sindaco, sono di competenza dei dirigenti le decisioni in materia di “promozione e resistenza alle liti di qualsiasi tipo”. Nessuna delibera di giunta avrebbe dunque dovuto precedere la proposizione dell’appello.

Vedi il testo della sentenza

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *